PaliOpen, Marco Giuliani è il primo a difendere la Chiesa, finalmente

non si compia l'errore di dimenticare quali siano le origini della bellissima festa del Palio de San Michele

 
Chiama o scrivi in redazione


PaliOpen, Marco Giuliani è il primo a difendere la Chiesa, finalmente
Foto Parrocchia San Michele

PaliOpen, Marco Giuliani è il primo a difendere la Chiesa, finalmente

da Marco Giuliani
Mi scusi, però non pensa si tratti di un attacco gratuito alla chiesa che in questo caso non c’entra assolutamente nulla? Il fatto che sia stata una suora a portare un messaggio – giusto o sbagliato che sia – non c’entra nulla con “tutto gira attorno alla chiesa”, la quale mi pare una critica alquanto fuori luogo e pretestuosa.

Qualche anno fa una famiglia si lamentò del frastuono nei vicoletti Sant’Angelo in piazza, se non ricordo male. Non era una famiglia di suore e frati. 

Marco sta rispondendo a questo commento
Ma che frastuono finalmente Bastia viva, anzi si dovrebbero creare attrazioni in più anche di inverno,perché è piena di ragazzi e non è giusto che i nostri figli per fare qualcosa di carino si devono spostare a Perugia o a Foligno,è arrivato il momento di investire qualcosa in più per questa cittadina stupenda , c’e gente che si vuole divertire, la chiesa non può impedire questo care e cari preti di Chiesa andate a chiudervi in convento non potete impedire il progresso e le attrattive di una città non è più pensabile che tutto debba girare intorno alla chiesa bastaaa

E, ripeto, non sto giudicando se la lamentela sia giusta o sbagliata,

ma non capisco il perché si debba utilizzare una critica generica per attaccare la chiesa.

E sono totalmente d’accordo sul concetto di rivitalizzare la città di Bastia, in coma farmacologico da troppo tempo oramai per un pubblico giovanile.

(Per inciso, come ultimo spunto di riflessione: non si compia l’errore di dimenticare quali siano le origini della bellissima festa del Palio de San Michele).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*