Abbandona rifiuti e viene multato di 600 euro

 
Chiama o scrivi in redazione


Rifiuti, causa sciopero a rischio il ritiro

Abbandona rifiuti e viene multato di 600 euro
Non è un intervento repressivo – sottolinea Francesco Fratellini – ma una tutela dei cittadini

Si moltiplicano le iniziative dell’Amministrazione comunale di Bastia Umbra, in collaborazione con la società Gest Spa che gestisce il servizio rifiuti, volte a scoraggiare l’abbandono di rifiuti, in particolare i comportamenti del rilascio ingiustificato di sacchetti lungo strada.

Da tempo operano anche a questo scopo i vigili ecologici, ma altre iniziative sono in cantiere e saranno attivate nel corso del 2016: una di queste è l’utilizzazione  di quattro ‘foto-trappole’ mobili, che saranno installate di volta in volta nei luoghi dove vengono più spesso rilevati questo tipo di infrazioni.

“Non è un intervento repressivo – sottolinea Francesco Fratellini, assessore all’Igiene ambientale – ma una tutela dei cittadini che rispettano le norme e a difesa dell’ambiente, che viene deturpato dai rifiuti abbandonati”.

Proprio in  questi giorni è venuto a concludersi un procedimento con l’invio ad un cittadino di un verbale, che prevede la sanzione di 600 euro, per la violazione del ‘codice di tutela ambientale’. Il fatto risale allo scorso novembre, quando il cittadino in questione ha lasciato, senza motivazione plausibile, un ingente numero di sacchetti dei rifiuti lungo strada, all’altezza del fossato destro della Strada Provinciale 147 Assisana  nel territorio di Ospedalicchio, tra le due rotatorie. Un altro cittadino ha segnalato il rilascio dell’immondizia al Comune che ha provveduto a ripulire il fossato e, poi, tramite la Polizia Locale, ad individuare il responsabile al quale è stata comminata la multa che è destinata  all’Amministrazione della Provincia di Perugia, in quanto  competente in materia di tutela ambientale.

Abbandona rifiuti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*