Bastia Umbra, ricariche auto elettrica, territorio in avanguardia

 
Chiama o scrivi in redazione


L’auto elettrica sarà il mezzo di trasporto del futuro. Lo pensa Casartigiani Perugia che ha patrocinato un progetto ambizioso e all’avanguardia: l’installazione di colonnine per la ricarica di macchine elettriche. A fare da apri pista, per un’iniziativa che i soggetti interessati auspicano di estendere su tutto il territorio regionale e nazionale, è Bastia Umbra, dove sabato 14 dicembre è stata inaugurata la prima colonnina. La stazione è stata realizzata da aziende del territorio perugino, il consorzio Consauto, Ime impianti srl e Vga, quest’ultima società di ingegneria specializzata nella progettazione e nello sviluppo di sistemi e prototipi ad alto contenuto tecnologico.

 

Si tratta, dunque, di una colonnina del tutto “Made in Italy”, sia in termini di applicazione che tecnologici e di design, dotata di un sistema intelligente di controllo, che permette un facile utilizzo e tempi di ricarica di un’ora e mezza circa, oltre che di una pensilina fotovoltaica. È possibile effettuare il pagamento tramite un app da smartphone o tramite sms per micro pagamenti o ancora con “grattini” che possono essere acquistati in tabaccheria. Presenti all’inaugurazione Paolo Annetti, segretario di Casartigiani Perugia, Ivo Scacciatelli, amministratore delegato di Ime e presidente di Casartigiani Perugia, Lio Mancinelli, direttore di Consauto, Stefano Ansideri, sindaco di Bastia Umbra, Lorena Pesaresi, assessore alle politiche energetiche ed ambientali del Comune di Perugia, Antonio Lunghi, vicesindaco di Assisi, Alvaro Verbena, sindaco di Deruta, e Stefano Scacciatelli, socio di Ime.

 

“Si tratta di una colonnina intelligente che a distanza può essere interrogata riuscendo a fornire tutte le informazioni necessarie per il suo utilizzo – ha spiegato Mancinelli -. Consauto inizierà con il dotare di stazione di ricarica e di vetture elettriche i suoi 12 centri di revisioni, sparsi nel territorio provinciale, in modo da permettere alle sue 285 officine socie di fornire ai propri clienti una vettura di cortesia elettrica”. “Questo progetto dà la possibilità di creare anche nuovi posti di lavoro in tempi di crisi economica – ha detto Ivo Scacciatelli -. Va tenuto anche in considerazione che oggi la vettura elettrica può garantire un’autonomia superiore ai 140 chilometri: distanza sufficiente a coprire il fabbisogno giornaliero di un guidatore europeo che nel 75 per cento dei casi è inferiore a 50 chilometri al giorno”.

 

Attualmente una macchina elettrica ha dei costi piuttosto altri, ma tra qualche anno, quando le case automobilistiche inizieranno una produzione su più vasta scala, i prezzi saranno allineati a quelli delle auto tradizionali. “Bastia è una città all’avanguardia – ha ricordato il sindaco Ansideri -, attenta al rispetto dell’ambiente. Sarebbe bello se potessimo dotare i nostri vigili urbani che presidiano il territorio di auto elettriche”. L’assessore Pesaresi ha ricordato l’esperienza del Comune di Perugia che, in collaborazione con Enel, ha già installato colonnine per la ricarica delle auto elettriche. Inoltre, durante l’incontro è stata lanciata la proposta di creare una rete di stazioni di ricarica, con la collaborazione della Regione Umbria, che possa coprire capillarmente tutto il territorio regionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*