Presentata la 42esima edizione della Invernalissima 2019 | Video

 
Chiama o scrivi in redazione


Presentata la 42esima edizione della Invernalissima 2019

Presentata la 42esima edizione della Invernalissima 2019

Presentata la mezza maratona e la stracittadina di Bastia umbra diventata una classica per il territorio bastiolo  ed Assisano. Un appuntamento immancabile quello del 15 dicembre, che ormai vanta un ottimo successo e un numero di iscrizioni che si aggira intorno ai 2000 partecipanti italiani e stranieri.

Il presidente dell’ASPA Giovanni Alessio Zanino ha sottolineato il valore paesaggistico della mezza maratona, che copre il territorio di Bastia, Santa Maria, Assisi, fino a Rivotorto. Novità di quest’anno un medagliere da collezione composto da tre medaglie dedicate alle tre città coinvolte nella maratona.

Filiberto Franchi assessore allo sport ha sottolineato l’importanza dell’evento non solo dal punto di vista sportivo ma anche dal punto di vista turistico. Infatti  grazie a questo ed anche ad altri eventi a carattere nazionale, Bastia sta diventando un polo sportivo importante. La partecipazione della fondazione Telethon, che raccoglie fondi per la ricerca delle malattie genetiche rare, fa sì che questa manifestazione diventi anche un momento di solidarietà.

Ormai da 4 anni questa collaborazione raccoglie fondi, che come ha specificato il coordinatore regionale Paolo Gallina, sono destinati alla sezione umbra. Quindi il 15 dicembre siete tutti invitati a partecipare ad un evento non solo per un discorso agonistico ma anche di solidarietà oltre che di valorizzazione del territorio. (Valentina Rinaldi).


Presentata la 42esima edizione della Invernalissima 2019

1 Commento

  1. Vista la grande partecipazione, sarebbe opportuno che l’Aspa si facesse promotrice per il territorio, di divulgare le basilari regole da seguire per coloro che utilizzano la strada per correre o camminare a piedi. Troppo spesso, ci sono persone che, soprattutto con il buio, non utilizzano indumenti o altri mezzi per farsi vedere dagli automibilisti e viste le condizioni di molte strade, prive di marciapiede, l’incidente è sempre probabile. È opportuno segnalare che anche coloro che vanno in piccoli gruppi, così come per le bici e dove la strada non lo consente, dovrebbero invadere la carreggiata il meno possibile, soprattutto in prossimità delle curve.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*