Area Franchi, Pecci, uno sguardo su un progetto incompiuto

La necessità di un intervento tempestivo per rivitalizzare l’ex Area Franchi

Area Franchi, Pecci, uno sguardo su un progetto incompiuto

Area Franchi, Pecci, uno sguardo su un progetto incompiuto

Area Franchi – Oggi con uno “Sguardo su Bastia” ci troviamo davanti ai tristemente famosi palazzi dell’ex Area Franchi. Si tratta di un intervento estremamente pesante arrivato addirittura a ridosso del fiume, un insediamento che tuttora, dopo anni risulta ancora inutilizzato. La cosa più incredibile è che si tratta di un recupero industriale che, di fatto, recupero non è.

Come possiamo osservare infatti l’insediamento è stato realizzato in un’area vergine, che non interessa l’area di recupero delle ex officine Franchi, mai delocalizzate. Ad oggi questi palazzi sono ancora chiusi, realizzati con un piano pubblico privato con partecipazione della Cassa Depositi e Prestiti, da assegnare con un’edilizia agevolata, operazione che l’Amministrazione uscente non è stata in grado di realizzare.

È necessario un intervento tempestivo per evitare situazioni di abbandono e degrado, che incidono fortemente sul tessuto sociale e paesaggistico della nostra Città, anche modificandone la destinazione d’uso dove possibile. Riteniamo che il ruolo di un’Amministrazione sia, appunto, quello di amministrare, intervenendo nello strumento di pianificazione (come il PRG) definendone prioritariamente la parte strutturale ed operativa affinché si possano realizzare le giuste soluzioni.

/Erigo Pecci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*