Bilancio 2020 Bastia Umbra, il voto contrario del M5S, ecco perché

 
Chiama o scrivi in redazione


Se d’altrui parlar vorrà, guardi sé stesso e tacerà! M5s Per Fratellini
Laura Servi

Bilancio 2020 Bastia Umbra, il voto contrario del M5S, ecco perché

da Laura Servi (Consigliere M5S Bastia Umbra)
Nel 2020, i risparmi sui mutui ed i maggiori trasferimenti statali, a causa del COVID, hanno determinato un aumento di entrate del 206% nelle casse del Comune di Bastia Umbra rispetto al 2019. Nell’intervento di venderdi sera in Consiglio comunale sul bilancio, ho rimarcato che l’Amministrazione, deve prevedere agevolazioni TARI per le attività d’impresa più colpite dalla pandemia e per le fasce più deboli della popolazione, visto che dal rendiconto di bilancio è emerso un avanzo di ben 196 mila Euro, oltre agli ulteriori fondi che saranno concessi dal Decreto Sostegni Bis che potrebbero portare tale cifra ad un totale di 550 mila Euro, da utilizzare a nostro avviso per consistenti tagli a tutti i contribuenti che hanno visto scendere il reddito personale e familiare a causa della crisi dovuta al COVID-19. Con soddisfazione ieri sera ho appreso che la Giunta intende rispondere positivamente a tale sollecitazione, già a partire dalla prossima approvazione del PEF Piano Rifiuti, prevista entro la fine di giugno.

Infine, ho osservato che sono insufficienti anche le risorse stanziate per la manutenzione delle strade e che ci saremmo inoltre auspicati di assistere ad un dibattito pubblico sulla rigenerazione urbana, il cui bando, in scadenza il 4 giugno, potrebbe assegnare fino a 5 milioni di euro al nostro comune.

Piuttosto che inviare una lista di progetti già presenti nel piano delle opere, la Giunta avrebbe potuto cogliere l’occasione di cambiare paradigma con la Piazza del Campo del Mercato ad esempio, usando una parte di tali fondi per la riqualificazione di questo storico scorcio del nostro comune, per renderlo funzionale ad una migliore qualità della vita e della socialita dei nostri concittadini, invece che perseverare nel precedente, inattuato e più volte prorogato PAIM, sul quale convergono con solite logiche speculative per la realizzazione di ulteriori ed inutili volumi commerciali e residenziali. Per questi motivi, il mio voto al rendiconto di gestione del 2020  è stato fermamente contrario.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*