BASTIA, APPROVATO ASSESTAMENTO AL BILANCIO DI PREVISIONE

 
Chiama o scrivi in redazione


Consiglio Comunale
Consiglio Comunale
Consiglio Comunale

(bastiaoggi.it) BASTIA – Il Consiglio Comunale, nella seduta del 28 novembre, ha approvato la variazione generale di bilancio, illustrata dall’Assessore al Bilancio Roberto Roscini. L’Assessore ha ricordato che il Comune di Bastia Umbra è stato uno dei primi comuni in Italia ad approvare il bilancio preventivo 2013, il 15 gennaio, nonostante le incertezze riguardanti l’entità dei trasferimenti statali e la fiscalità comunale, quest’ultima ancora oggi non ancora compiutamente definita.

Il bilancio recepisce in maniera definita tagli dei trasferimenti statali nell’ordine di un milione di euro; con questo ennesimo taglio la riduzione del trasferimenti statali nel triennio 2011 – 2013 arriva a 3,7 milioni di euro. Con la manovra approvata il 28 novembre, l’avanzo di parte corrente aumenta di 163mila euro raggiungendo l’importo definitivo di 775mila euro.

Tale maggiore disponibilità è stata destinata in gran parte e precisamente per 147.610 euro al finanziamento del progetto definitivo della nuova scuola primaria in Villaggio XXV Aprile; questo permetterà all’Ente di dare il via già dal prossimo anno ai lavori per la sua realizzazione.

A seguito dello spostamento, per motivi tecnici, di alcune opere al bilancio 2014, i debiti per mutui risulteranno, a fine 2013, pari a 12,9 milioni di euro, rispetto ai 14 milioni di fine 2012 e 18,4 di fine 2008; nel corso di questa amministrazione i debiti per mutui sono stati pertanto ridotti del 30%.

Nello stesso Consiglio Comunale è stata adottato il piano attuativo di Iniziativa Mista in Variante al Piano Regolatore Generale nella zona di ristrutturazione R1 ex Deltafina e aree limitrofe. “Con questa adozione – sottolinea l’Assessore all’Urbanistica Francesco Fratellini – diamo sistemazione ad un piano aperto da dieci anni. Ora inizia l’iter verso l’approvazione definitiva e il completamento dei lavori in quest’area”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*