Roberto Capocchia, la Piazza di Bastia andrebbe suddivisa in due tronconi

L'ex segretario del Pd, forse anche semplicemente rimettendo il monumento di Colomba Antonietti

 
Chiama o scrivi in redazione


Roberto Capocchia, la Piazza di Bastia andrebbe suddivisa in due tronconi

Roberto Capocchia, la Piazza di Bastia andrebbe suddivisa in due tronconi

da Roberto Capocchia
Diciamo che l’intervento è parzialmente condivisibile, anche se fatto da un’amministratore in carica fino a poco tempo fa che nulla o poco a fatto per far vivere questo luogo.
Condivisibile tutta la parte sulla sobrietà della pavimentazione e sul fatto che la piazza sia uno spazio aperto e poco o per nulla arredato e anche il recupero delle tre cannelle è assolutamente logico e doveroso. Ciò su cui non si può concordare è il non prendere in esame la struttura anomala della piazza di Bastia, che andrebbe suddivisa in qualche modo in due tronconi, forse anche semplicemente rimettendo il monumento di Colomba Antonietti esattamente dov’era un tempo e rendendo la parte nord della piazza libera e grande, ben illuminata e forse senza rialzi donando anche un sagrato alla chiesa del Patrono, infine se Colomba Antonietti fosse ricollocata dov’era io vedrei bene anche un’altra opera nello slargo antistante il bar Italia!

La parte sud della piazza quella più somigliante ad una via di transito che ad una piazza andrebbe totalmente ripensata in forma pedonale moderna, si al transito, no alla sosta e al parcheggio per il quale bisognerebbe rispolverare il vecchio progetto del parcheggio a due piani in piazza del mercato a servizio della piazza e di tutto il centro storico, ivi compresi i parcheggi per i residenti, i quali possono transitare in piazza per le loro primarie necessità come ad esempio scendere la spesa ma poi devono parcheggiare altrove!!!



Abitare in un centro storico ha il suo fascino, di solito a portata di mano si hanno tutti i primari servizi, banca, farmacia, alimentari, forno, rosticceria, pizzeria, ecc. dall’altro canto è necessario essere in grado di saperci vivere perchè si parcheggia fuori, perchè ci sono le manifestazioni, ecc.

Roberto Capocchia

Ecco quindi che per richiamare le vecchie corti che erano antistanti i palazzi dove oggi ci sono i riporti edificati dove insistono i negozi, io in quella parte vedrei bene degli arredi semplici, con del verde, delle panchine, dei bei lampioni doppi che illuminino la zona pedonale e la zona di transito, ecc.posti subito sopra un marciapiedi largo che divide la carreggiata dalla passeggiata pedonale fronte vetrine e che donerebbe alla piazza sud colori e profumi.

Il discorso è complesso e meriterebbe un’incontro/confronto che spero che le forze politiche facciano e che con sincerità dicano che rendere splendente il centro storico e la città tutta con decoro, arredi e iniziative culturali significherà lavorare in deficit di bilancio ma che diversamente l’inesorabile destino già tracciato diverrà irreversibile e la città sarà un puro, triste e semplice dormitorio!!!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*