Esperia di Bastia, rassegna cinematografica dedicata alla Mamma

Con la proiezione di Quattro Storie di Maternità

 
Chiama o scrivi in redazione


Esperia di Bastia, rassegna cinematografica dedicata alla Mamma

Esperia di Bastia, rassegna cinematografica dedicata alla Mamma
BASTIA UMBRA – Viene realizzata, a cinque mesi dalla  riapertura al pubblico del Cinema Esperia, una rassegna cinematografica dedicata alla Mamma e incentrata sulla questione della maternità. L’iniziativa, concordata tra la società che gestisce la sala cinematografica e l’Assessorato comunale alla Cultura, rientra nel contratto temporaneo di gestione del Cinema Esperia che prevedeva una Rassegna per la proiezione di film a tema.

“E’ un tema importante, che attraverso quattro film, ha lo scopo di scandagliare il ruolo della donna nel difficile compito di Mamma – rileva l’Assessore alla Cultura Claudia Lucia -. La rassegna arriva a maggio, mese della Festa della Mamma che è anche l’ultimo dell’attività di gestione sperimentale   del Cinema Esperia, iniziata lo scorso dicembre.  Da rilevare  che l’attività cinematografica in questi mesi ha registrato una presenza maggiore di utenti provenienti da fuori Comuni rispetto ai bastioli”.

L’argomento scelto per la rassegna è la Maternità considerata in tutte le sue più attuali sfumature; ha interessato e continua ad interessare indistintamente tanto la verità del fatto scientifico quanto la fantasia della rappresentazione visiva.

La scienza, nelle sue declinazioni specialistiche, ha affrontato le ambiguità e le incertezze riguardo al rapporto madre-figlio, e lo stesso ha fatto l’arte; è però interessante osservare quanto l’una abbia arricchito l’altra, istituendo un sistema di scambio estremamente interessante. Il contributo cinematografico in questo senso è davvero ragguardevole.

La selezione della rassegna prende in esame quattro testimoni capaci di osservare il soggetto “madre” secondo punti di vista che, per intenzioni e momenti storici, risultano diversi tra loro.

Con questi quattro incontri si cercherà, insieme al cinema, di svelare il mistero e l’insondabilità del rapporto madre-figlio, alternando sullo schermo realtà, epoche e schemi narrativi eterogenei, tenuti insieme dalla volontà di riprodurre le meccaniche dell’influenza materna sulla persona.

Dal taglio neorealista e sentimentale di De Sica, si passerà alle torbide riflessioni per immagini di Hitchcock; dal melodramma contemporaneo di Almodovar, alla fresca leggerezza di una giovane mamma canadese.

Al Cinema Esperia: “Quattro storie di madri”:

  • Martedì 2 maggio ore 21:30: Matrimonio all’italiana, di V. De Sica
  • Lunedì 8 maggio ore 21:30: Tutto su mia madre, di P. Almodovar
  • Lunedì 15 maggio ore 21:30: Juno, di J. Reitman
  • Lunedì 22 maggio ore 21:30: Psyco, di A. Hitchcock

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*