PaliOpen, Marco Giuliani riporta un po’ d’ordine in mezzo alla polemica

GIUSTO NON CROCIFIGGERE NESSUNO, NE' CHI VUOL FARE FESTA NE' CHI HA DIRITTO AL RIPOSO

 
Chiama o scrivi in redazione


PaliOpen, Marco Giuliani riporta un po’ d’ordine in mezzo alla polemica

da Marco Giuliani
Come al solito, si esagera da entrambe le parti e partono critiche gli uni contro gli altri senza ragionare un minimo e senza dimostrare un minimo di buonsenso. Credo che l’iniziativa sia stata una bellissima iniziativa. Credo inoltre che la piazza, come fulcro della città, sia il luogo perfetto per riunire la popolazione in quella che è LA festa del paese. Quindi se c’è del casino e del rumore, per una sera non credo che sia la morte di nessuno.

I miei complimenti a chi si è impegnato per organizzare questa serata. Ciò detto, ci sono anche delle regole da rispettare. Volenti o nolenti, il centro è un centro abitato e non è giusto e corretto dire alle persone di stare zitte e rinunciare ai propri diritti.

Se ci sono delle regole è perché c’è necessità di rispettare tutti, cercando di andare incontro a tutti. Se le regole sono state rispettate, c’è poco di cui lamentarsi. C’erano dei permessi e quelli sono stati seguiti.

Se le regole sono state vìolate totalmente o parzialmente, è corretto per il prossimo anno tenere in considerazione magari che ad una certa ora (traduco: non significa le 23, né mezzanotte! Nessuno si sognerebbe mai di mettere un limite così basso) è corretto e rispettoso limitare il rumore a valori più consoni per un centro abitato.

Il tutto sempre con rispetto, senza crocifiggere queste bellissime iniziative ma senza neanche crocifiggere chi chiede se alle 3 di notte si possa abbassare un po la musica (ammesso che sia durata fino alle 3, non lo so e non c’ero, sto solo ipotizzando)

PaliOpen

 
Marco Giuliani is an Italian security researcher. His main activities are focused on researching system vulnerabilities and reversing malicious software. He also developed several anti-malware and exploit prevention technologies.

1 Commento

  1. Francamente mi sembra un commento un po’ “cerchiabottista” se mi passate il termine! Occorre stabilire quello che sia realmente avvenuto e verificare se vi sia stata una qualche violazione delle normative e del livello delle emissioni sonore, considerando che ci si trovava in un centro abitato.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*