Tutti abbiamo un Peter Pan… con Michela Andreozzi a Bastia

 
Chiama o scrivi in redazione


Appuntamento per giovedì 16 aprile con Michela Andreozzi e il suo “Maledetto Peter Pan”, esilarante show a metà tra una commedia, uno stand-up e un monologo, in cui l’attrice porta in scena tutti i suoi personaggi. Lo spettacolo nasce dall’idea di raccontare, ridendo fino alle lacrime, un dramma che tutti conoscono: le corna.

© Protetto da Copyright DMCA

Ma non corna qualsiasi, piuttosto quelle generate dalla pericolosissima “Crisi di Mezza Età”, conosciuta anche come “Sindrome di Peter Pan”. Bastia Umbra, 30 marzo 2015. Da poco abbiamo potuto gustare le sue grandi doti di attrice e comica nella trasmissione di successo “Tale e quale show” e tra pochi giorni la potremo vedere sul palco del Teatro Esperia con il suo “Maledetto Peter Pan”. Michela Andreozzi ci accompagnerà in una serata tutta da ridere.

Nello spettacolo l’attrice romana interpreta una quarantenne che subisce l’oltraggio antico e sempre nuovo dell’abbandono da parte del marito, tipico esemplare in piena “sindrome di Peter Pan” (da cui il titolo), e quindi spinto dal desiderio di godersi «quel che resta della sua gioventù», come avrebbe detto quell’allegrone di Sergio Endrigo, nelle braccia più giovani della segretaria. Lo spettacolo, un po’ monologo un po’ stand-up comedy, percorre tutte le fasi da manuale della donna tradita: la disperazione dell’abbandono trascorsa tra la catatonia sul divano con l’unico hobby di pettinare la tentazione del suicidio (la «risposta perfetta» al tradimento);

Il confronto con parenti e amici, una galleria di esilaranti personaggi tutti tratteggiati da Michela; il tentativo di farsi a sua volta un amante, dapprima pescando nel deprimente repertorio degli ex e poi cercando di porsi senza convinzione «su piazza»; le feroci autocritiche; l’odio, l’autolesionismo, l’euforia. Come finirà?

Una serie di emozioni e stati d’animo che si susseguono sul palco per mettere in scena una meditazione ilare, lieve, goliardica di un sentimento comune perchè’ tutti, in un momento o in un altro, ci siamo “rotti i denti” su quella meravigliosa, devastante, irrinunciabile avventura chiamata Amore che poi in fondo è la più comica delle tragedie.

REFERENTI UFFICIO STAMPA: Paolo Cardinali, 338-9660537 Donatella Giuliani, 3389-8079302 donatella@piccolonuovoteatro.it

 


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*