Argine torrente Tescio a Bastia Umbra approvato progetto

Lo studio è stato immediatamente inviato alla Regione Umbria

 
Chiama o scrivi in redazione


Argine torrente Tescio a Bastia Umbra approvato progetto
tescio

Argine torrente Tescio a Bastia Umbra approvato progetto

La Giunta comunale, il 6 luglio scorso, ha preso atto del progetto di fattibilità per la realizzazione dell’argine sul torrente Tescio, quale opera di difesa idraulica da rischio esondazioni. Il progetto, che è stato istruito dal settore Lavori pubblici del Comune  e preparato  dai tecnici professionisti, ingegneri  Alessandro Toccaceli e Alberto Capitanucci, era stato presentato alla cittadinanza nel corso di una pubblica assemblea il 12 maggio scorso.

Il progetto prevede che l’argine sia realizzato lungo la sponda sinistra del torrente, dalla confluenza con il fiume Chiascio in direzione di Assisi per una lunghezza di circa 450 mt. Le soluzioni adottate tengono conto dell’effettiva pericolosità con la previsione di un argine a bassissimo impatto ambientale e per una spesa complessiva prevista di circa 700 mila euro.

Lo studio ora è stato inviato alla Regione che, per quanto di sua competenza, dovrà valutare se sarà necessario sottoporre l’opera idraulica al VIA (Valutazione di impatto Ambientale). In qualsiasi ipotesi, anche nel caso venisse esclusa la Valutazione di Impatto Ambientale, ogni soggetto competente dovrà esprimersi e comunque la procedura prescritta dovrà essere completata nei tempi e nei modi prescritti, prima di avviare la fase della progettazione esecutiva e, quindi,  la realizzazione dell’argine. Opera che è propedeutico e indispensabile per costruire il sottopasso ferroviario in via Firenze, inserito nel piano urbanistico dell’area Franchi.

 

1 Commento

  1. l’argine è propedeutico per la costruzione del sottopasso… ma il sottopasso non era propedeutico per i lavori area Franchi? l’amministrazione non ha sbandierato ai quattro venti il fatto che prima si sarebbe fatto il sottopasso e poi si cementificava? ma non era previsto nel piano di recupero?….eppure sono comparsi cartellonistica e gru attestando che invece prima si costruisce e poi “forse” si farà il sottopasso!!! niente di nuovo!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*