Attivazione di un  macchinario alla Leroy Merlin di Ospedalicchio

Per intensificare una attività di economia circolare di salvaguardia

 
Chiama o scrivi in redazione


Attivazione di un  macchinario alla Leroy Merlin di Ospedalicchio

Attivazione di un  macchinario alla Leroy Merlin di Ospedalicchio

Per intensificare una attività di economia circolare di salvaguardia dell’ambiente si è svolta stamane presso l’azienda Leroy Merlin di Bastia Umbria la cerimonia di attivazione di un  macchinario capace di raccogliere bottiglie di plastica e attraverso un complesso processo produrre nuovi contenitori. Coripet, il nome del macchinario oggi ricicla solo la bottiglia e non il tappo, che viene salvato per essere poi donato alla associazione ARONC (Amici della Radioterapia oncologica di Perugia).

Alla cerimonia di inaugurazione del macchinario, unico in Umbria, sono intervenuti il sindaco e il vice sindaco di Bastia Paola Lungarotti e Francesco Fratellini e il presidente Aronc Manlio Bartolini.

Eleonora Marangon direttrice di Leroy Merlin, ha accolto gli ospiti con una semplice cerimonia per le norme anti Covid ha voluto manifestare la soddisfazione per essere la prima azienda sul territorio Umbro a promuovere un progetto virtuoso per  ridare nuova vita alla plastica coinvolgendo attivamente la comunità”. Analoga soddisfazione è stata dell’Amministrazione comunale di Bastia , che intende intensificare altre attività similari e da Manlio Bartolini.

“ La solidarietà che si coniuga con la cultura dell’uso responsabile della plastica sono di grande incoraggiamento per le nuove generazioni. La sensibilità dimostrata verso la nostra associazione moltiplica i nostri sforzi per attivare progetti per i pazienti oncologici curati presso l’ospedale di Perugia.

La raccolta dei tappi di plastica già attiva in numerosi esercizi commerciali della provincia di Perugia in passato aveva fruttato risorse che, unite ad altre iniziative aveva permesso di erogare due borse di studio a ricercatori della clinica di Radioterapia del Santa Maria della Misericordia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*