Campo da calcio Fatigoni a Bastia, parla la cittadina allontanata dall’aula del Consiglio

Rivolta alla Amministrazione, chiaritevi le idee

 
Chiama o scrivi in redazione


Campo da calcio Fatigoni a Bastia, parla la cittadina allontanata dall'aula del Consiglio

Campo da calcio Fatigoni a Bastia, parla la cittadina allontanata dall’aula del Consiglio
da Manuela Sciarra (Profilo Facebook)
BASTIA UMBRA – Buongiorno a tutti. Sono la cittadina allontanata dall’aula durante la riunione del consiglio comunale che discuteva la mozione Renzini sulla questione campetto Faticoni. Mi scuso pubblicamente per aver violato l’articolo 34 del regolamento ………. Ma resistere alle parole provocatorie del vicesindaco mi è stato impossibile. Visto che in quella sede non ero legittimata al contraddittorio,utilizzerò questo spazio , più legittimo ed efficace, per riportare la nostra posizione dove per “nostra” intendo quella delle numerose persone procampo da calcio dell’area verde Faticoni.

Sono due le questioni da mettere in chiaro da parte nostra.
La prima , articolata in più punti, è in risposta a quelle che io ho definito come provocazioni dell’assessore Fratellini

A.” Le nostre firme sono tutte vere e raccolte col cuore. Se i nomi e i cognomi sono stati oscurati non è perché ci vergognamo (” i cittadini non si devono vergognare…”), come ha voluto insinuare Fratellini, ma perché per la privacy, il consigliere Renzini ha ritenuto opportuno oscurarle. Non sta a noi sapere se è un metodo giusto o sbagliato, se era meglio una petizione o una mozione. Queste cose le lasciamo alla politica che dovrebbe concentrarsi più sulla sostanza che non sulla forma.

B.” dove sta tutta questa passione per il calcio? Possibile che la debbano esercitare solo nel campo dei Faticoni?”
Volevo rispondere a quest’altra, a mio avviso, provocazione, dicendo che la rappresentanza di persone e ragazzi era in aula proprio per quello cioè per chiedere la possibilità di giocare a calcio proprio lì e non lontano dal quartiere come si è fatto per 45 anni senza togliere il diritto ai residenti ( ed io per 30 anni ci ho vissuto e lo posso dire) di schiacciare un pisolino (altra cosa detta dal vicesindaco), semplicemente rispettando i giusti orari di gioco.

C.” La mozione va respinta perché strumentale a cavalcare una protesta……cercando di illudere i cittadini che possono ottenere una cosa senza il rispetto delle regole”
Vorrei chiarire una cosa al vicesindaco e a tutta la giunta compresa l’opposizione che sia netta ed indiscutibile: noi non vogliamo un campo non a norma e senza il rispetto delle regole. Noi vogliamo un campo dove far giocare i nostri figli e tutti quelli che vorranno farlo in piena sicurezza. A metterlo a norma e a rispettare le regole ci dovete pensare voi amministrazione. I suoi diverbi con l’assessore Renzini, a cui va il merito ed il rispetto che tanto ostentate per essersi fatta portavoce della nostra protesta, francamente non ci interessano e sono uno spettacolo pietoso da assistere.

La seconda questione è in realtà una richiesta di chiarimento.

La nostra rappresentanza è uscita dall’aula con una grande vittoria: la promessa che il campo si fara’. Ma a noi non sono sembrate queste le intenzioni del vicesindaco né tantomeno quelle del Signor Bagnetti con il silenzio dell’assessore allo sport a fare da sottofondo.
Quindi la nostra richiesta è, quando vi sarete chiariti bene le idee tra di voi, quella di dare a questa numerosa parte di cittadini firmatari e non, delle risposte certe e sopratutto dei tempi certi di programmazione. Noi viglileremo e torneremo a far sentire la nostra voce
Grazie per la possibilità di replica che mi avete concesso.#Ridatece il campetto#


1 Commento

  1. Già nel leggere RENZIni,lo assimilo mal volentieri.
    Esprimo la mia più sincera solidarietà.
    C’era stato un bravo ragazzo candidato a sindaco del M5S,peccato non ha avuto consensi…..

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*