Go Bastia fa il pienone grazie al torneo di Fifa18 alla Play Station


Scrivi in redazione

La senatrice Bernini al Caccia Village Incontro con gli operatori e Patto per l'Italia

Go Bastia fa il pienone grazie al torneo di Fifa18 alla Play Station

dal Corriere dell’Umbria
BASTIA UMBRA – Sessantaquattro ragazzi armati di joystick pronti a contendersi i premi in palio. Real Madrid, Juventus, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e tante altre squadre in campo per tentare di scalare il tabellone. Ha visto la partecipazione di oltre cento giovani l’iniziativa dell’associazione “Go Bastia – Giovani all’opera” che, nel gazebo del centro San Michele, ha allestito diverse postazioni di gioco su console Play Station 4, con il gioco di calcio più amato, Fifa18.

Successo oltre ogni aspettativa ammettono gli organizzatori, perché oltre ad aver accolto così tanti giocatori (anche da fuori Comune: molti i giovani perugini “scesi” per giocare), altrettanti sono stati i curiosi che hanno continuato ad accorrere anche a torneo iniziato, proponendo all’associazione di continuare ad organizzare attività simili ludiche e ricreative. A trionfare la Juventus dei Tony, due diciottenni bastioli che si sono aggiudicati la coppa e 100 euro in buoni Amazon; secondi i ragazzi del Ricotta team con il Real Madrid, che vincono due giochi da tavolo dello sponsor “Dal Tenda”; ai terzi “Miimpiccia” una bella (e buona) confezione di vini dello sponsor L’Etichetta.

“L’associazione – è scritto in una nota di Go Bastia – ha voluto ringraziare fortemente tutti i partecipanti, per essere stati – oltre che numerosi – corretti, silenziosi e assolutamente sportivi. Ringraziamenti dovuti anche per l’Anspi centro San Michele per l’ospitalità, a Giò Caffè, L’Etichetta e Dal Tenda per il contributo, e a tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione dell’apprezzato evento”. Tra i prossimi obiettivi, un’aula studio, come anticipa il consigliere Giulia Cardinali: “Vogliamo regalare ai giovani della città un posto dove poter studiare, insieme, a Bastia. E’ un progetto che ci sta particolarmente a cuore perché è stato pensato già dalla fase embrionale di GoBastia: l’abbiamo plasmato e visto crescere e ora che la pratica sembra essere in dirittura di arrivo, lo sentiamo tutti un po’ come un sogno che si realizza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*