📰 Rassegna stampa 📰 – Summit con il prefetto sul nodo della sicurezza a Bastia Umbra

 
Chiama o scrivi in redazione


Paola Lungarotti ringrazia tutti i cittadini e le cittadine di Bastia Umbra

Summit con il prefetto sul nodo della sicurezza

In cantiere il collegamento diretto delle telecamere urbane con le sale operative delle forze dell’ordine

Bastia, festa con i tifosi per la promozioneBASTIA UMBRA Venerdì nel Palazzo del Governo di Perugia il prefetto Armando Grandone, presenti il viceprefetto Castrese De Rosa e il Questore Antonio Sbordone, ha ricevuto il sindaco, Paola Lungarotti (foto), accompagnata dall’assessore Valeria Morettini e dalla comandante della Polizia locale, Carla Menghella, alla presenza dei responsabili delle forze di polizia che operano nel territorio assisano.
L’incontro è stato focalizzato sui temi della sicurezza pubblica mediante un’analisi della situazione e con l’individuazione degli interventi prioritari. E’ stato rilevato che la situazione della criminalità ha fatto registrare un trend favorevole nell’ultimo quinquennio, che non basta a tranquillizzare i residenti. Pertanto, si è concordato di incrementare l’attività di controllo coordinando l’azione di tutte le forze di polizia, con il contributo della Polizia locale. Le iniziative saranno programmate in incontri tecnici delle forze di polizia con la partecipazione della comandante della Municipale.
Sarà realizzato prima possibile, secondo le intenzioni manifestate dal sindaco, il collegamento diretto della videosorveglianza urbana con le sale operative delle forze dell’ordine. L’amministrazione comunale attuerà dunque un progetto di controllo di vicinato, secondo il protocollo già stipulato con la Prefettura. Sarà organizzato, infine un incontro con la Giunta e il Consiglio comunale di Bastia Umbra per illustrare il quadro della sicurezza pubblica sul territorio e le sue prospettive. Il sindaco Lungarotti ha ringraziato il Prefetto per la sensibilità e l’attenzione mostrata nei confronti della città. Massimo Stangoni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*