📰 Rassegna stampa 📰 Ipotesi cavalcavia al passaggio a livello di Ospedalicchio, speriamo di no

Ipotesi cavalcavia al passaggio a livello di Ospedalicchio, speriamo di no

Ipotesi cavalcavia al passaggio a livello di Ospedalicchio, speriamo di no

Assalto al Postamat di via Torgianese I ladri portano via quarantamila euroBASTIA UMBRA – L’AMMINISTRAZIONE comunale si è appena insediata e ci sono problemi scottanti in attesa di soluzione. Uno di questi è il passaggio a livello, che da dicembre ha sostituito quello automatico con notevoli disagi, sulla strada Assisana tra Ospedalicchio e Bastiola. C’è uno fondo di oltre 4,5 milioni di euro da più di dieci anni ancora non utilizzato per una viabilità alternativa. Se ne è parlato dallo scorso autunno con una serie di chiarimenti che hanno portato ad una nuova ipotesi di soluzione, che è stata individuata dal Comune di Assisi e condivisa da Bastia Umbra.

Leggi anche – Passaggio a livello Ospedalicchio, si abbassa una sola sbarra, è caos

SI TRATTA di un cavalcavia sulla ferrovia a confine tra i due comuni, non in contrasto con i vincoli ambientali, che consentirebbe di evitare il sottopasso e le complicazioni dei pozzi nella zona di Petrignano. Il confronto tra i due Comuni e la Regione Umbria, titolare del finanziamento, si è interrotto con la campagna elettorale amministrativa. «È ora di riaprire subito il discorso – ha detto il neoassessore ai lavori pubblici Stefano Santoni –. È mia intenzione verificare con i tecnici della Regione lo stato degli atti. Chiederemo di andare avanti con il progetto e mettere in calendario l’intervento». m.s.

2 Commenti

  1. Dopo dieci anni di immobilismo e dopo che come botti finali ci hanno propinato i cinque palazzi della zona Franchi, ora si ricomincia con proposte prive di senso. A casa mia si direbbe: “ma devono capitare sempre a noi”. Signori, questo è il nuovo e lo avete pure votato.

  2. Secondo me qui qualcuno o è stato rapito da uno spirito di onnipotenza ed omniscienza, oppure il caldo da i primi segni di scompenso. Cari signori cittadini di Bastia, abbiamo qualche problema! Se questo è l’inizio, come previsto da alcuni tra l’altro, il quinquennio si fa duro!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*